GLI DEI DELLE OMBRE

Chiedetevi come può la stragrande maggioranza dell’umanità essere tanto indifferente al male da infliggere e infliggersi le peggiori sofferenze, senza provare un minimo di pentimento o rimorso e, altri uomini, vere eccezioni darebbero la vita per salvare un cane. L’ennesima guerra nel medio-oriente ne è una prova evidente. Gli umani, creati per sterminarsi a vicenda.

Io sono fermamente convinto, che non tutti gli uomini sono umani, o meglio non tutti appartengono alla specie umana, così come crediamo siano. E’ mia convinzione che tra noi vi sono esseri provenienti da universi metafisici , con un diverso grado di evoluzione e conoscenza. Solo ipotesi, ma per me sono molto di più che semplici teorie. E non sono il solo ad esserne convinto. La scienza quantica studia tale ipotesi da decenni. Tali teorie sono minuziosamente documentate anche nelle antiche scritture e, nella bibbia, oltre che nelle sacre e antiche scritture VEDA.

La scienza studia l’evoluzione dell’uomo di questo tempo, da secoli, e ad ogni nuovo studio, afferma di rilevare concreti risultati evolutivi. Io non credo nell’evoluzione dell’uomo. Quello che la scienza confonde con evidenti stadi evolutivi, in realtà non sono altro che il perfezionamento dell’architettura mentale tipica di una macchina capace di perfezionarsi, ma incapace di modificare la propria natura: Quindi evolversi.
Evolversi, implica la modificazione del pensiero, una nuova concezione della vita e un nuovo modo di porsi di fronte a se stesso, ai suoi simili e al mondo in cui è immerso.

Alcuni studiosi affermano che l’uomo di Neanderthal , scomparso circa 35.000 mila anni fa, non era molto diverso dall’uomo contemporaneo, al punto che se comparisse tra di noi, non riusciremmo a distinguerlo dagli altri uomini, sia per intelligenza che per la capacità di sapersi adattare all’attuale sistema di vita. Tali dichiarazioni, implicano che dovremmo rivedere molti concetti dati per certezze dal mondo scientifico. Esistono reperti archeologici tenuti nascosti, risalenti a milioni di anni fa che provano, che la storia dell’umanità dovrebbe essere riscritta.

Confortato da tale tesi, è mia convinzione che l’uomo non è in grado di evolversi perché è il risultato di un progetto genetico, creato per svolgere esattamente le seguenti azioni:
Riprodursi, credere di amare, o amare quanto basta per consentire la continuità della specie, e soprattutto per odiarsi e sterminarsi a vicenda. Tutte le altre attività contribuiscono a rafforzare le direttrici primarie.
Una specie in grado di evolversi, non compie le stesse scelte, i stessi programmi, le stesse azioni, gli stessi obbiettivi e, soprattutto non ripercorre ciclicamente le stesse mostruosità.
Una specie in grado di evolversi apprende dai propri errori e diventa saggia al punto da saperli evitarli nel futuro.

Diversamente l’uomo da millenni, compie sempre le stesse azioni, con gli stessi obbiettivi e i medesimi risultati, come se in lui ci fosse un programma che gira in un ciclo continuo e ripetitivo. E maggiormente perfeziona le funzioni per cui è stato progettato, tanto più si allontana dalla sua spiritualità. Dalla sua anima.
Quindi maggiormente si perfeziona, tanto più regredisce spiritualmente.
All’inizio uccideva con le proprie mani, poi con gli arnesi da lavoro, e più avanti con armi bianche fino alla polvere da sparo. Oggi usiamo le armi radioattive a base di uranio impoverito e se necessario l’arma nucleare. Come dire …. nati per sterminarsi.

L’uomo è incapace di correggersi, perché non riesce a sottrarsi al dominio del suo programma. Tale programma, è parte del nostro DNA, che solo da poco tempo si è riusciti parzialmente a scomporre le sequenze …. meglio conosciute, come mappa del genoma umano. Una sequenza di istruzioni, in grado di costruire la macchina umana e le direttive primarie per renderla operativa: vivente … cosciente, ma non consapevole del proprio vero essere.

Il DNA umano, e della vita tutta su questo pianeta, altro non è che una formula complessa progettata da una intelligenza che va aldilà del nostro universo fisico.
Ecco ciò che siamo:
Specie vivente a base carbonio. Matrice sintetica classificata DNA – Rapporto variabile di (A+G=T+C) determina la specie vivente, che può essere umana, vegetale o animale.

I nostri creatori o i nostri Dei così come riportato anche nella bibbia e da tutti i libri sacri dell’antichità, esistono ad altro livello esistenziale. Tali livelli esistenziali per la stragrande maggioranza della popolazione sono pura fantasia, ma per la scienza, grazie a quella branca della fisica, meglio conosciuta come fisica quantistica che studia le particelle sub-atomiche, sono una realtà, che ha cambiato la concezione, sia della vita così come la conoscevamo, sia della realtà in cui crediamo essere immersi.
Gli universi paralleli e piani esistenziali, non sono fantasie, ma programmi di ricerca della fisica quantistica.

Sono tante le cose scoperte di cui la popolazione non verrà mai informata per il timore che l’ordine costituito venga messo in discussione ….. sovvertito.
Alcuni umani, che sono molto simili a dei demoni, inconsapevolmente simulano le direttive di chi ha inventato il gioco per controllare la vita su questo pianeta come fossero i padroni assoluto, così come i nostri creatori, controllano la vita in questo universo.
Le domande che i fisici moderni si pongono rispetto alla vita e all’universo, nascono dai risultati di esperimenti scientifici, di cui uno in particolare:
Se si cerca di far passare una particella attraverso la fessura di uno schermo, questa inevitabilmente lo attraverserà sotto forma di corpuscolo. Se le fessure sono due, la particella, nonostante sia ancora orientata verso la prima fessura, passerà attraverso tutti i e due i fori sotto forma di onda. Il fotone o l’elettrone, assumono un atteggiamento intelligente in rapporto alle condizioni poste dallo sperimentatore.

Attraverso diversi esperimenti si è giunti alla conclusione che le particelle sono in grado di distinguere se entrambi i fori sono aperti.
Questo prova che l’energia è intelligente.
Affinché l’uomo si renda consapevole, deve per primo conoscere esattamente ciò che è: un progetto genetico di una intelligenza che esiste su un diverso piano esistenziale.
Per capire, bisogna aprite la mente. Non c’è nulla da stupirsi, considerando che la vita su questo pianeta si alimenta attraverso se stessa. Non vedo perché noi dovremmo sfuggire a tale regola essendo parte del progetto alla pari di tutte le altre specie. Noi ci nutriamo della carne animale. Ossia di altre specie viventi come noi, come loro si nutrono dell’energia che liberiamo dai nostri pensieri, e dalle nostre sanguigne emozioni.
Chiedersi se l’uomo o meglio, l’anima può liberarsi da tale schiavitù è il primo passo per una vera consapevolezza da cui dipende l’evoluzione per sottrarsi al dominio della materia ….. quindi del male.

Il mondo e la vita nell’universo organico, non sono esattamente ciò che crediamo essere. Noi viviamo una grande illusione, un grande inganno: siamo prigionieri di una condizione indotta dall’esterno.
Elevare la mente, il pensiero oltre la logica umana è il primo passo per inoltrarsi in una più grande realtà. Un mondo ove la nostra anima non ha confini poiché un’ anima luminosa possiede la conoscenza e la saggezza di interagire con l’intero universo ….. visibile e invisibile. Per tanti solo teorie. Per me semplici realtà.

GLI DEI DELLE OMBREultima modifica: 2006-07-18T00:19:47+02:00da portetemporali
Reposta per primo quest’articolo

7 pensieri su “GLI DEI DELLE OMBRE

  1. Come tu mi hai scritto….la realtà che osserviamo non è la realtà che realmente è..e non lo sarà fintanto non saremo consapevoli dei nostri limiti..fintant o nn ammetteremo i nostri errori per poi impegnarci a correggerli…. Ma ciò che mi balena per la testa è la seguente domanda: vogliamo in realtà correggerci oppure l’importante è seguire la scia per non rimanere indietro? Molto meglio seguire la corrente per rimanere soli ad osservare un mondo che noi stiamo distruggendo con la nostra ignoranza e il nostro egoismo….La solitudine fa paura..o forse è l’egoismo a non avere via d’uscita….Un bacione

  2. ignoranza infatti: il male è del tutto relativo… un mondo senza cattiveria… senza rabbia, vendette, dolore, senza sofferenze, senza tristezza? NO grazie… non fa per me. Accetto di buon grado tutto il pacchetto… accetto il male, mi adeguo al negativo antico quanto la vita stessa. Non anelo davvero a un mondo senza… e la prossima volta per favore “loggati”, non amo dover cercare i blog di commentatori anonimi.

  3. Risposta al sig. sensualitychic
    Non entro nel merito delle tue convinzioni ….. ogni cosa ha un suo tempo, ma permettimi di farti notare che non è corretto rispondere ad un mio commento che hai ritenuto di non pubblicare nel tuo blog, impedendo così una equa informazione a chi legge. Inoltre ti ho lasciato il mio indirizzo. Pensavo fosse sufficiente per non essere considerato anonimo. Nonostante sono addolorato per il disturbo che ti ho arrecato…… Ma visto che non hai pubblicato il mio commento, potevi approfittare per non rispondere. Dove non c’è onestà mentale non può esserci nulla che sia degno di essere ricordato.

Lascia un commento